A tutti piacciono i wurstel…

di lucanos87

…ma nessuno vuole sapere come funziona Iron Man. Tenetevi forte, gente, perchè sto per portarvi a fare un giro nella mia noiosissima vita. Inoltre, vi parlerò di film di supereroi.

Lunedì sera volevo vedere Pacific Rim. Lo volevo vedere tanto. Al punto che, quando Maria mi ha fatto notare che su Rai 3 c’era “The Company You Keep”, una specie di film di spionaggio e giornalismo duro e puro con Robert Redford, mia risposta è stata “me lo guardo domani sera”. A me Robert Redford piace molto, come attore e come regista. Mi piace quel suo stile tranquillo, che ti manda in porto un film d’azione senza troppi ammazzamenti (se avesse diretto lui “I mercenari” avrebbero risparmiato 40 milioni di dollari in munizioni) e ti rende interessante anche un film dove non succede un cazzo (ho goduto tantissimo “Leoni per agnelli”), però quella sera avevo voglia di esplosioni robotroniche e di kaiju ruggenti in mezzo all’oceano.

Com’è, come non è (e poichè domani mattina alle 05:00 non ho voglia di offrire la colazione alla Guardia di Finanza, vi assicuro che NON è), mi sono scaricato Pacific Rim, l’ho trasferito su chiavetta ed ho inserito la chiavetta nel televisore. Purtroppo, s’è imballato dopo trenta secondi. Non starò ad annoiarvi con la mia battaglia di tre giorni con i files .MKV, nè vi racconterò di come questa battaglia io l’abbia miseramente persa, perchè fortunatamente su Rai 2 c’era “Iron Man 3” e ho potuto saziare almeno in parte la mia voglia di esplosioni con quello.

E dopo? Dopo iniziano i guai. Finito di guardare il film infatti non riuscivo a prendere sonno a causa dei dubbi esistenziali che il film stesso mi aveva messo in testa. Principalmente non riuscivo (e non riesco nemmeno ora) a dare una risposta ad una assillante domanda: ma Iron Man sta sul cazzo a qualcuno o gli altri supereroi sono tutti dei codardi infami?

Durante “Iron Man”, il primo film della serie, era normale che il protagonista si trovasse più o meno da solo a lottare contro i criminali. Dopotutto, era il primo film in cui compariva, e doveva ancora farsi conoscere. I nemici poi erano le solite mezze seghe, roba che se il Presidente avesse inviato due o tre elicotteri d’assalto in più Robert Downey Jr. avrebbe potuto passare la maggior parte del film a limonare con Gwyneth Paltrow.

Durante “Iron Man 2”, le cose si fanno più complicate, perchè alla fine del primo siamo venuti a conoscienza degli Avengers, e perchè Mickey Rourke è brutto forte e anche solo guardarlo in faccia fa male, ma ci può ancora stare che Robert Downey Jr. sia quasi sempre da solo, tanto c’è Don Cheadle che se proprio proprio gli dà una mano.

“Iron Man 3” invece è un altro discorso, perchè in mezzo c’è stato “The Avengers” e ora noi spettatori sappiamo. Al mondo non c’è solo Iron Man. Al mondo c’è una squadra completa di super eroi coi controcazzi, pronti ad intervenire per il bene dell’umanità! Di certo non lasceranno Robert Downey Jr. da solo a difendere il Presidente degli Stati Uniti d’America e il mondo intero da un complotto terroristico di supersoldati che se appena appena li guardi male quant’è vero il cazzo esplodono che nemmeno Tom e Jerry il Quattro Luglio mannaggia!

Invece sì, che lo lasciano solo. Io me li immagino la domenica mattina che si svegliano, ognuno a casa propria, accendono la TV mentre bevono il caffè e vedono che il mondo sta per essere distrutto. Subito scatta la conference call.

Thor: “Ué, raga, avete visto il casino?
Hulk: “Rrrrrrrrrrrrrrrrr!
Black Widow: “Si, ho visto. DE-PRE-CA-BI-LE! Come faccio a fare shopping la domenica dopo aver visto certe immagini al telegiornale? IM-BA-RAZ-ZAN-TE!
Capitan America: “Dai cazzo, è in gioco il destino dell’America e del mondo. Iron Man è fuori combattimento, non credete che dovremmo intervenire?
Hawkeye: “Mmmmh… Sticazzi?
Tutti in coro: “STICAZZI!

Intanto si sente l’inno del Liverpool F. C. suonare al contrario.

Annunci